domenica 27 ottobre 2013

L'eredità segreta

Buongiorno, passioners!
Finalmente riesco a lasciarvi la recensione di questo romanzo! Tra problemi di tempo e di linea ho dovuto rimandare fino ad oggi.
E' proprio brutto dover usare un computer non proprio, comunque. Non vedo l'ora di tornare in possesso del mio (tra l'altro il portatile è odioso, senza un mouse çwç)


L'eredità segreta
Katherine Webb




Dettagli sul libro
Editore: Mondadori (collana "Omnibus")
Prezzo: 19.00 €
Pagine: 403












Trama

Nel freddo inverno del 2009, alla morte della nonna, Erica Calcott e sua sorella Beth, entrambe sulla quarantina, ricevono in eredità la magnifica casa di famiglia nello Wiltshire dove, da bambine, trascorrevano le vacanze estive. Quando arriva a Storton Manor, è sopraffatta dai ricordi della sua infanzia e soprattutto del cugino Henry, la cui improvvisa scomparsa nel nulla tanti anni prima aveva distrutto la famiglia. Erica decide di scoprire finalmente cosa è successo davvero al cugino, così da chiudere i conti con il passato e permettere a sua sorella Beth, da sempre tormentata da questa tragedia, di ritrovare la serenità. A poco a poco emergono segreti inattesi e sconvolgenti che riportano all'inizio del Novecento, quando un'affascinante ereditiera di New York si era trasferita per amore in Oklahoma e aveva dato l'avvio alla storia della loro famiglia.


Recensione

Il libro si apre con una scena del passato che vede come protagonista Caroline e la sua disperazione, seguita dal gesto, in quel momento incomprensibile, dell'abbandono di un piccolo bambino indifeso.
Questo è un tipo di Prologo che personalmente adoro: rivolto al passato, spiegato solo verso la metà del romanzo. Acquista tutto un altro senso via via che la storia continua perché è il personaggio a cambiare davanti ai nostri occhi, si allarga il punto di vista, si comprendono le motivazioni -condivisibili o meno- di gesti, angosce e paure.
Subito dopo ci ritroviamo invece nell'Inghilterra dei giorni nostri, con Erica e Beth pronte a metter piede in quella casa che sembra terrorizzarle.
Mi ha colpito come il libro si sia aperto con sensazioni di insicurezza e angoscia da ambo le parti.
La storia procede velocemente, è coinvolgente pur spezzettandosi tra passato e presente.
Tendenzialmente non mi piacciono quei romanzi in cui i capitoli sono alternati -cioè presente, passato, presente, passato ecc.- perché finisco inevitabilmente per affezionarmi ad uno dei due tempi di narrazione e gli altri capitoli li vivo con più "pesantezza".
Qui invece non mi è successo!
La Webb è stata geniale nel troncare nei momenti meno appropriati perché questo mi ha spinto a leggere con ansia crescente il capitolo dopo pur di arrivare al tempo appena lasciato il più in fretta possibile.
Per questo la seconda metà del libro l'ho divorata senza riuscire a staccarmi più di tanto.
La storia è molto ben articolata, ti riempie di domande e ti lascia fare mille supposizioni.
E' una storia di donne, essenzialmente. Sono loro il centro rotante di tutta la narrazione.
Bisogna dire che la famiglia Calcott è decisamente una famiglia matriarcale, dominata da donne di carattere molto forti nella loro debolezza.
Scopriamo infatti che anche se affrontano la vita con coraggio ed ardore (quasi tutte), imponendosi su gli altri quasi con violenza, in realtà sono donne molto fragili ed anche molto sole.
Ho odiato Caroline così come Meredith e Beth, ma anche Erica. A volte non le ho capite, le ho contestate. Però poi, alla fine del romanzo, non me la sono sentita di odiarle ancora perché le conoscevo troppo bene e purché certe scelte rimangano sbagliate sono riuscita a capirne le motivazioni e ad accettarle.
La cosa che mi ha fatto dare il voto pieno a questo libro è che non ci sono domande lasciate senza risposta. Neanche una, singolissima, domanda.
Per quanto i finali rimangano sempre aperti verso il futuro, impossibile il contrario, questo è uno di quei libri che ti da un senso di chiusura e che non ti fa disperare per la mancanza di un seguito.
Se ci fosse, lo leggerei, ovviamente. Ma la storia è finita anche così, non saprei cosa aspettarmi di nuovo, essenzialmente.
E' un libro pieno di sfumature, a cavallo tra il confine fra giusto e sbagliato.
Lo consiglierei a tutti perché c'è il giallo, c'è il romanticismo (sono riuscita ad innamorarmi di Dinny, in mezzo a tutti quei segreti), c'è la parte storica e culturale.
Insomma, c'è un po' di tutto!
Proprio un libro che vale la pena leggere, non ho altro da aggiungere.

Voto finale? 5/5!

♥ Bea

2Xp5m

5 commenti:

  1. Devo assolutamente leggerlo! La tua recesione mi è piacuta molto e come libro mi ispira assai! Peccato che per la lettera W abbia già letto qualcosa, quindi prima devo cercare di finire l'abc challenge, però spero che questa sia il primo libro che leggerò nell'anno nuovo♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL
      Sì, leggilo leggilo *^* poi lo dobbiamo commentare perché ne vale la pena ù.ù
      E' troppo amorevole questo romanzo ♥
      Poi penso ti possa piacere come stile narrativo e anche come storia :D

      Elimina
  2. Bea, la tua recensione mi ha davvero incuriosito!! Complimenti **
    Mi piace l'alone di mistero che hai descritto e soprattutto il fatto che il finale non ti lascia l'amaro in bocca. Ecco, questo è quello che reputo molto importante nella lettura di un libro :)

    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie ♥
      E' proprio un bel libro ** Ti prende tantissimo cosa che è difficile con questo tipo di storie, generalmente ci mettono un po' per avviarsi, invece questo con l'alternanza tra il presente e il passato ti risucchia tipo buco nero xD

      Elimina